Inquinamento industriale….le nuove regole

marzo 12, 2009 at 3:52 pm Lascia un commento

Lo scorso 10 Maggio, il Parlamento Europeo ha votato la revisione della legislazione sulle emissioni industriali (Direttiva sulla prevenzione ed il controllo integrato dell’inquinamento IPPC – Integrated Pollution Prevention and Control). Come sta avvenendo sempre più spesso le lobby industriali, riescono sempre a far pressione affinchè queste nuove leggi siano sempre meno rigide e meno pesanti nei loro confronti. E ci sono quelli che credono che le lobby verdi siano quelle che comandano…Il comunicato di Monica Frassoni.

.hmmessage P { PADDING-RIGHT: 0px; PADDING-LEFT: 0px; PADDING-BOTTOM: 0px; MARGIN: 0px; PADDING-TOP: 0px } BODY.hmmessage { FONT-SIZE: 10pt; FONT-FAMILY: Verdana }

Monica Frassoni, Presidente del Gruppo dei Verdi/ALE ha così commentato il voto:

“Oggi si è votato sulla revisione di una delle direttive fondamentali per la protezione della salute e dell’ambiente dall’inquinamento degli impianti industriali. Casi come quelli dell’ILVA di Taranto ci ricordano infatti a quali rischi i cittadini italiana, ed europei, sono esposti quotidianamente a causa delle emissioni di impianti altamente inquinanti.

Come spesso avviene con le normative ambientali le potenti lobby dell’industria pesante (raffinerie, acciaierie e impianti chimici) hanno tentato di indebolire la direttiva in modo da proteggere i loro profitti a scapito della salute dei cittadini.”

L’europarlamentare ha poi aggiunto “Nonostante la vigilanza del gruppo dei Verdi e di altre forze in seno al Parlamento, un emendamento introdotto all’ultimo minuto ha portato il Parlamento europeo a votare l’esclusione della maggior parte delle industrie manifatturiere dai valori limiti per la qualità dell’aria fissati dalla legislazione sui grandi impianti di combustione. Si tratta, bisogna dire, di un emendamento chiaramente contrario allo scopo e all’obiettivo della direttiva e che va in senso opposto a quanto deciso dalla Corte europea di giustizia in una recente sentenza (1) e deve essere quindi ignorato dalla Commissione e il Consiglio nelle ulteriori fasi del processo legislativo.

“Sul fronte delle buone notizie,” ha proseguito Monica Frassoni “il compromesso tra i gruppi politici ha permesso di introdurre una serie di migliorie, in particolare le procedure previste per fissare dei livelli europei per la qualità dell’aria in alcuni settori specifici in aggiunta a quelli già presenti nella direttiva. Anche i criteri per il monitoraggio e le ispezioni sono stati migliorati.

L’eurodeputata ha infine concluso: “Questo è un chiaro segnale che non sarà più tollerato il dumping ambientale tra Stati membri, vale a dire crearsi un vantaggio rispetto alla concorrenza risparmiando i soldi destinati all’adeguamento alle normative ambientali e che gli impianti virtuosi in termini di contenimento dell’inquinamento dovranno invece essere premiati”.

(1) Sentenza della Corte europea di Giustizia Caso C-473/07 del 22 gennaio 2009.

Annunci

Entry filed under: Blogroll.

Dati del PM10 Settima modifica alla L.R. 12/2005

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Trackback this post  |  Subscribe to the comments via RSS Feed


marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Blog Stats

  • 156,379 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: